728 x 90

Il Giorgione si riscatta a Borgoricco, la decide Paganin

Il Giorgione si riscatta a Borgoricco, la decide Paganin

L’ora più buia – Cantava David Crosby – è quella che precede l’alba, e dopo 5 ko consecutivi e una classifica che iniziava a farsi “pesante”, una squadra con la S maiuscola ed una punizione perfetta di Paganin riportano il Giorgione alla vittoria, una boccata d’ossigeno e tre punti fondamentali per affrontare con più serenità la fase finale di questo campionato.

Che non fosse facile già lo sapevamo, davanti avevamo una squadra che in questo girone di ritorno aveva ancora conservato l’imbattibilità in casa, ma la voglia di riscatto era tale che non potevamo assolutamente sbagliare, avvio vivace con i rosso stellati che iniziano da subito a pressare gli avversari nella loro metà campo, buone occasioni soprattutto per Podgorica oggi in stato di grazia.
Ma al termine dei primi 45° minuti di gara al Giorgione va di sicuro il merito di aver fatto la partita ma purtroppo il risultato è ancora fermo sullo zero a zero.

Ripresa con le due squadre più equilibrate, il Giorgione sempre più allungato in avanti e il Borgoricco che si rende pericoloso in un paio di occasioni in contropiede.
Al 28° del secondo tempo arriva il gol, punizione dal limite dell’area, del tiro s’incarica Paganin, che calcia con un destro perfetto un bel tiro a girare che s’invola a fil di palo alla sinistra del portiere avversario.

il Giorgione espugna lo stadio Vecchiato e riassapora il gusto della vittoria che per i tempi e i modi in cui è maturata ha un sapore ancora più dolce, avevamo chiesto ai nostri ragazzi in un momento così “delicato” dove tutto sembrava precipitare e vanificare il buon lavoro svolto nella prima parte del campionato una grande prova d’orgoglio che oggi finalmente è arrivata e che riconferma le grandi capacità di questa squadra anche se talune volte inespresse.

Fonte: www.giorgionecalcio.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnati con *

Cancella risposta