728 x 90

Un pool di volley maschile nell’ovest trevigiano

Un pool di volley maschile nell’ovest trevigiano

Eppur si muove. Con due squadre all’attivo – under 18 e 1^ divisione -, il settore maschile della Giorgione Pallavolo sembra vivere una situazione di stallo, data dalla mancanza di ricambio generazionale. In realtà si sta vivendo una stagione di grande fermento e si stanno gettando le basi per una nuova era di pallavolo maschile. Anche se ancora in forma embrionale, si sta allestimento un progetto di collaborazione fra Giorgione Pallavolo, Volley Bessica e Pallavolo Rossano che andrebbe a costituire un pool giovanile extraprovinciale di primo livello, numericamente parlando.

«Il tutto è ancora in via di sviluppo e progettazione – conferma e spiega il presidente Angelo De Marchi -. L’obiettivo è quello di ufficializzare nelle prossime settimane sia le società partecipanti che l’assetto organizzativo». È bene ricordare che già da questa stagione, grazie al lavoro dei tecnici Ilario Luisetto e Giovanni Perin, a Castelfranco molti atleti sono tornati a giocare dopo aver abbandonato l’attività per qualche anno. La nuova sinergia partirà da loro e andrà a coprire l’intera zona occidentale della provincia di Treviso sfociando anche in territorio vicentino. «Non solo – aggiunge il presidente del Volley Bessica Giampietro Zardo – C’è una quarta società che potrebbe aggiungersi e che a breve dovrebbe comunicarci l’adesione. Stiamo lavorando sodo per organizzare al meglio squadre, trasporti, palestre e atleti. Sarà a loro, prima di tutto, che andremo a presentare il progetto».

La prospettiva è ambiziosa: il nuovo pool porterebbe a prendere parte a tutte le categorie giovanili maschili schierando in under 18 addirittura due squadre. Per fissare con ufficialità dettagli e traiettorie del nascente movimento maschile, sarà necessario attendere la fine dei campionati.

Fonte: Ufficio Stampa Giorgione Pallavolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnati con *

Cancella risposta